lunedì 21 gennaio 2008

Giù le mani dai miei piselli 3 ( A volte ritornano)

Mendel prese un piccolo seme di pisello rugoso, e lo seppellì accuratamente in una piccola vaschetta piena di terra. Si sedette sul suo sgabello, e cominciò a annotare i suoi dati sul suo quaderno.
Fu in quel momento che la vide per la prima volta. La penna d'oca gli cadde sul calamaio, affogando in un mare d'inchiostro. Lei indossava solo una sottoveste bianca, che lasciava poco spazio all'immaginazione immediata ma molto a quella futura. Per un momento, Gregor si dimenticò dei suoi amati piselli.
-Ciao Gregor. Che cosa stai facendo con questi semi?- gli chiese, appoggiando una mano sulla tunica del monaco.
- Ti interessi anche tu di piselli?- rispose lui, ormai quasi preda di istinti che non facevano onore al suo ordine sacerdotale.
- In un certo senso, si-
A Mendel si illuminarono gli occhi. Le prese la mano e, dimenticata la precedente malizia, le fece da Cicerone all'interno della sua serra.
- Vedi questi sono rugosi, mentre questi altri lisci- disse, indicando due semi apparentemente identici.
- E questo- domandò lei, stringendo peccaminosamente tra le gambe di Gregor- Questo cos'è?-
Il monaco si svegliò di colpo. Guardò i primi raggi di sole entrare timidamente nella sua stanza, e poi si richiuse gli occhi.
-Che incubo-sospirò, con un'evidente punta di rammarico.

-Non sai che incubo che ho avuto questa notte. Ero in una specie di serra, con un monaco che mi faceva vedere i suoi piselli..-
- Il suo pisello vorrai dire- le rispose la sua truccatrice, mentre le sistemava il fondo tinta sul seno sinistro.
- No, erano proprio piselli. Era orgoglioso di quelle piante, quando me ne parlava gli brillavano gli occhi-
- Non credo che sia poi un incubo terribile. Voglio dire, hai avuto esperienze molto peggiori nella realtà, come quella volta che hai dovuto lavorare con quel Russo che puzzava come una capra-
- Che schifo. Se ci ripenso mi viene da vomitare. Fortuna che mi sono imposta e ho costretto la produzione a girare la scena in cui lui mi dichiarava il suo amore in una vasca profumata..Però vedi, il problema è un altro..Del russo non mi importava nulla, mentre questo piccolo monaco pelato mi eccitava tantissimo.. Non riuscivo a resistergli, era terribilmente sexy mentre parlava di quei suoi semini rugosi-
- Forse hai semplicemente bisogno di qualcosa di diverso..Sai con il lavoro che fai hai bisogno di questi sogni un pò strani-
-Dici?-
- Ma si..vedrai che domani già non te lo ricorderai più-
- Speriamo- rispose lei, alzandosi dalla sua sedia e dirigendosi verso il set di "Pene d'amore".

7 commenti:

Chiara ha detto...

Eretico!..stai in campana, presto giungerà la scomunica!
Ahahaah

IL GABBRIO ha detto...

Tra me e te, la blasfemia impazza sui blog...che dire, sempre fresco e piacevolissimo da leggere!!!
Per la cronaca...un paio di settimane fa ho dovuto studiare Mendel...sò piselli amari!

Ele ha detto...

Ooooh! il ritorno dei piselli!!!

Bravo bravo!

*si alza la ola*

Squall ha detto...

Davvero carino!Devo ammettere che da piccolo Mendel mi aveva un' pò scioccato con tutti sti piselli odorosi in torno!XD

Anonimo ha detto...

Si, probabilmente lo e

Anonimo ha detto...

I will not acquiesce in on it. I assume nice post. Specially the appellation attracted me to read the sound story.

Anonimo ha detto...

Nice dispatch and this enter helped me alot in my college assignement. Say thank you you seeking your information.